Counseling a indirizzo evolutivo

Counseling

Esistono tanti modi di approcciarsi al proprio sviluppo evolutivo. Oltre ad approcci strutturati, come per esempio quello delle Costellazioni familiari o del Registro Akashico, è possibile anche avvalersi della possibilità di sessioni di counseling a indirizzo evolutivo.

Cos’è il counseling

In Italia la figura professionale del counselor non è normata e viene spesso confusa o sovrapposta con la figura dello Psicologo o dello Psicoterapeuta. In assenza di una legge dello Stato che distingua chiaramente le competenze, diverse associazioni di categoria hanno strutturato percorsi di formazione anche molto differenti tra loro, sicché anche la definizione stessa di Counselor risulta di difficile individuazione.

Il nostro lavoro è finalizzato allo sviluppo evolutivo. Lavoriamo per aiutare le persone a:

  • sviluppare una maggiore consapevolezza;
  • integrare punti di vista differenti;
  • elevare livelli di coscienza superiori.

I nostri counselor sono consulenti che agevolano e facilitano i processi evolutivi sia su base teorica, sia su base esperienziale.

I nostri percorsi di counseling, dunque, non sono finalizzati alla risoluzione di disagi, né tantomeno all’elaborazione di traumi o al trattamento di disturbi. In generale, non devono assolutamente essere intesi come attività terapeutiche, per le quali suggeriamo percorsi diversi.

Per chi è indicato

I nostri percorsi di counseling sono indicati per chiunque senta di essere chiamato a qualcosa di più alto che ancora non comprende. Sono la risposta giusta per tutte quelle persone che hanno compreso che continuare a fare ciò che stanno facendo produrrà gli stessi risultati che hanno sempre ottenuto.

Se senti che puoi suonare la tua musica a un’ottava superiore, se senti che puoi vivere una vita in 3D anziché in 2D, allora un percorso di counseling può essere un valido strumento.

Come si svolge una sessione di counseling

Non esiste un modo uniforme di condurre una sessione di counseling. Proprio in virtù della sua natura, in base alla spinta che sente il cliente e alla meta che si prefigge, la sessione può svolgersi in maniera dialettica, oppure integrando altre tecniche olistiche in base al professionista.

Prenota ora

Se lo desideri, puoi prenotare già ora una sessione. Il costo di una singola sessione è di 125,00 euro. I pacchetti permettono di prenotare più sessioni a prezzi scontati.

Letture del Registro Akashico

Lettura del Registro Akashico

Consultare il proprio Registro Akashico può essere un’esperienza illuminante nel corso del proprio cammino di crescita. Chiunque abbia intrapreso un percorso finalizzato al ricordo di sé e alla piena realizzazione del proprio destino, sente il bisogno di connettersi alla fonte: leggere il Registro Akashico è un bellissimo modo di farlo.

Cos‘è l’Akasha

Le relazioni tra i quattro elementi classici, con al centro la quinta essenza (illustrazione dal Sylva Philosophorum di Cornelius Petraeus, XVII secolo).

«Akasha» deriva dal sanscrito आकाश e significa letteralmente «etere» (anche noto come «quintessenza»), ovvero il quinto elemento nella tradizione occidentale. In aggiunta ai quattro elementi già noti (fuoco, acqua, terra, aria), l’etere rappresenta quell’energia fuori dal tempo e dallo spazio che permea ogni cosa. In virtù di questa connessione universale senza spazio né tempo, Rudolf Steiner paragonò l’Akasha a una sorta di grande biblioteca universale contenente tutta la storia e le conoscenze del mondo. Da questa visione nacque l’espressione «cronache dell’Akasha». Analogamente a quello che avviene, per esempio, durante un lavoro di Costellazioni familiari, connettendosi all’Akasha è dunque possibile accedere a un sapere superiore col fine di sviluppare una maggiore consapevolezza.

In virtù del diritto (e della responsabilità) all’autodeterminazione e al libero arbitrio, l’Akasha non può essere consultata per conoscere il proprio futuro o per invadere lo spazio altrui. Al contrario, è possibile ottenere informazioni inerenti la propria realtà e la propria storia animica col fine di acquisire un nuovo livello di consapevolezza da cui muovere i propri passi.

Una volta effettuato l’accesso al Registro si viene accolti da una guida, un’entità che si porrà come interfaccia durante la lettura e che risponderà alle domande poste. La guida può essere un maestro, una guida, un angelo, l’anima di un persona con cui si è interagito in vita o qualunque altra entità in quel momento sia idonea a fornire la risposta al quesito sottoposto.

Chi può richiedere una lettura

La lettura è indicata per chiunque abbia chiara la nostra natura spirituale e desideri elevare la propria consapevolezza per compiere la propria missione con responsabilità.

Come si svolge una lettura

La lettura viene svolta da un Maestro o da una qualunque persona che sia stata iniziata e sintonizzata alla lettura del Registro Akashico. Accedendo a un sapere potenzialmente infinito, è importante che il richiedente prepari prima un massimo di 3 domande da porre alle guide.

Le domande:

  • devono riguardare te: non sono ammesse domande che invadano lo spazio altrui. Puoi porre domande che riguardano te in relazione a un’altra persona (per esempio, te in relazione ai tuoi figli rispetto a una determinata situazione), ma non ti è dato agire sull’altro poiché questo violerebbe il suo libero arbitrio e il vincolo dettato dalla tua responsabilità;
  • non devono riguardare il futuro: l’obiettivo è acquisire consapevolezza, non scoprire cosa riserva il futuro. Lo scopo non è scoprire cosa ci capiterà o cosa farà qualcun altro, ma acquisire quelle informazioni che riguardano noi, le nostre sfide e la nostra storia al fine di impiegare al meglio il nostro tempo e le nostre energie;
  • devono essere precise! Metti bene a fuoco il tema su cui vuoi lavorare prima di partecipare alla sessione. A domanda precisa, risposta precisa.

Domanda a te stesso: ciò che desidero chiedere serve la mia evoluzione o il mio ego?

Nella fase iniziale della sessione verrà verificata la congruenza delle domande affinché soddisfino queste condizioni. Fatto ciò, dopo un momento di centratura, verranno aperti i Registri e verrà posta la domanda.

Il richiedente potrà quindi ottenere la risposta al suo quesito. Consigliamo di registrare la risposta affinché non vada perso nulla. La consultazione avviene in uno spazio di espansione di coscienza in cui tutto appare più chiaro, ma la sfida consiste poi nel trasferire nella quotidianità ciò che si è appreso. In questa fase può verificarsi il rischio di dimenticarsi alcuni passaggi importanti. Il modo più semplice per correre ai ripari è registrare la sessione e riguardarla nel tempo.

Prenota ora

Se lo desideri, puoi prenotare già ora una sessione. Il costo di una sessione è di 125,00 euro.

Costellazioni familiari

Costellazioni familiari e sistemiche

I nostri laboratori costituiscono una splendida occasione per lavorare su di sé in un clima di Amore e di non-giudizio. Si tratta di un lavoro che si svolge nell’energia di un gruppo di partecipanti i quali scelgono di mettersi al servizio del Campo a favore di chi lo richiede.

La funzione dei nostri workshop è quella di agevolare l’evoluzione spirituale di chi si sente chiamato a questo genere di lavoro.

Cosa significa? Significa che noi proponiamo le Costellazioni familiari come strumento evolutivo piuttosto che come “soluzione magica” per la risoluzione dei propri problemi quotidiani.

Ogni difficoltà è sul nostro cammino per un motivo, a monito di qualcosa che ancora non abbiamo visto e che possiamo risolvere. Le Costellazioni familiari sono uno strumento splendido per vedere e risolvere questo “qualcosa”.

La guarigione, qui intesa nel suo significato più spirituale (e non clinico), diventa la naturale conseguenza con effetti evidenti sulla realtà, ma a partire da una visione olistica e responsabile della propria vita.

Cosa sono le Costellazioni familiari

Costellazioni familiariPartendo dalla psicologia sistemica, lo psicoterapeuta tedesco Bert Hellinger ha approfondito e sviluppato un approccio stupendo noto oggi come Costellazioni familiari.

Attraverso le Costellazioni familiari, a partire da un tema (che può essere un problema di qualunque natura, una situazione che ci si trova ad affrontare, una situazione di blocco, etc.) è possibile, in pochi minutirisalire all’origine sistemica che ne è alla base e quindi agire in direzione della risoluzione.

Nella visione sistemica, nessuno di noi è isolato dall’altro come un’isola in mezzo all’oceano. Al contrario, facciamo tutti parte di più sistemi, il primo dei quali è naturalmente la nostra famiglia di origine o quella attuale. Ogni sistema ha una sua identità, una sua coscienza delle sue dinamiche di funzionamento. Inevitabilmente, il sistema ci influenza così come noi influenziamo il sistema.

Ogni sistema deve rispettare dei principi per poter fluire armoniosamente. Quando questi principi non vengono rispettati, il sistema diventa disfunzionale e questo disagio viene espresso nella nostra vita in svariati modi, come ad esempio:

  • difficoltà sentimentali: relazioni che non fluiscono, partner “sbagliati” che inevitabilmente ci portano a rivivere le stesse dinamiche, difficoltà a trovare o mantenere il partner, litigiosità e attriti vari o, semplicemente, un sottile senso di infelicità o insoddisfazione nella relazione;
  • dinamiche familiari ostili: attriti vari, difficoltà nelle dinamiche intra-familiari o nell’asse genitori-figli;
  • successo professionale: difficoltà nella conduzione di progetti, soddisfazione professionale, definizione o raggiungimento dei propri traguardi;
  • rapporto con la vita: difficoltà nel sentirsi vivi, leggeri, in pace con la vita, con in poppa il vento della gioia e della felicità;
  • rapporto col divino: può essere difficile sentire la connessione con la propria parte spirituale;
  • sessualità: difficoltà nel vivere la propria sessualità o la propria identità sessuale.

Non esiste limite al tipo di tema che si può trattare in un lavoro di Costellazioni familiari, purché lo si intenda come un metodo esplorativo e di crescita personale e non come strumento terapeutico. In Costellazione ci aiutiamo a evolvere; non curiamo “malati”.

Chi può partecipare

Le Costellazioni familiari sono uno strumento evolutivo sacro: qualcosa di potente che va compreso e rispettato. Per questo motivo non ammettiamo automaticamente chiunque ai nostri seminari.

I requisiti per partecipare a un sano lavoro di Costellazioni familiari, così come condotte e promosse da noi, sono i seguenti:

  • disponibilità a mettersi in discussione: durante una rappresentazione non siamo noi a stabilire torti o ragioni. Semplicemente, nel corso della rappresentazione si possono manifestare delle dinamiche che sono disfunzionali rispetto ai criteri che ha individuato Bert Hellinger. Il nostro compito è guidarti a riconoscerle per poterle trascendere. Se sei convinto di aver ragione rispetto al tuo tema e cerchi solo una prova a supporto, purtroppo non possiamo aiutarti. Se sei sinceramente motivato alla tua crescita, allora possiamo aiutarti. Scegli: preferisci essere felice o avere ragione?
  • responsabilità totale: qualunque cosa possa emergere durante la rappresentazione, ricorda che hai sempre la possibilità di scegliere come agire. Si chiama responsabilità. Non c’è bisogno che nessuno cambi perché tu possa realizzarti. Non esiste il concetto del “potrò essere felice solo quando lui/lei farà ciò che dico io”. Là fuori può capitare di tutto, ma come reagire è sempre una tua scelta!
  • si lavora su di te: non lavoreremo su un’altra persona, nemmeno se la “rappresenti” tu. Che si tratti di un amico, di un parente o di un figlio, non potrai portare un suo problema come tuo tema. Hai sempre però la possibilità di portare come tema te stesso in relazione al problema di quella persona, poiché ciò ripone il focus su di te. Specialmente quando si lavora sulle difficoltà dei propri figli, questo può apparire limitante. Ti invito tuttavia a non sottovalutare il potere di questo modo di lavorare. Affidati alla saggezza del Campo!

Come si svolgono

Durante i workshop dal vivo, il gruppo si riunisce e ci si siede in cerchio. Il cliente chiede di poter lavorare su un proprio tema e prende posto a fianco al conduttore, il quale gli chiede su che tema desidera lavorare.

Il cliente espone quindi il proprio tema ad alta voce; il conduttore può porre alcune domande di approfondimento sul tema stesso o sulla sua famiglia di origine. In casi particolari, il cliente può anche confidare solo al conduttore il tema (se per esempio lo sentisse troppo riservato o troppo doloroso per esporlo al pubblico), oppure può anche scegliere di non verbalizzarlo affatto. L’invito è quello di formularlo ad alta voce, ma nessuno è costretto a fare nulla.

Superata questa fase, il conduttore chiede al cliente di scegliere alcuni interpreti tra le persone presenti in sala. Questi interpreti rappresenteranno altre persone o elementi del sistema di origine. Per esempio, si potrebbe chiedere al cliente: “Scegli una persona che rappresenti te stessa.”, “Scegli una persona che rappresenti tua mamma.” oppure “Scegli una persona che rappresenti il lavoro dei tuoi sogni.”.

Il cliente si alza e sceglie a sensazione queste persone, invitandole a entrare in scena per rappresentare chi devono rappresentare. Gli interpreti non sono costretti ad accettare, anche se l’invito è sempre quello di cogliere quest’incredibile opportunità di crescita personale poiché non è raro che fare l’interprete nella rappresentazione di un altro possa apportare dei benefici enormi.

Gli interpreti così individuati si alzano e prendono posto all’interno del cerchio assecondando il proprio sentire. Potrebbero sentire, per esempio, di volere assumere una posizione specifica, oppure di allontanarsi o avvicinarsi dagli altri interpreti e così via. Qualcuno potrebbe voler dire qualcosa oppure potrebbe avere delle reazioni fisiologiche o emotive anche forti.

Nell’arco di poco tempo, in sostanza, si va a delineare una scena ben precisa. Questa scena indica qual è la dinamica sottile che sottende il tema su cui il cliente ha chiesto di lavorare.

Il compito del conduttore, ora, è quello di guidare il cliente alla comprensione di ciò che il Campo sta mostrando. Successivamente, potrebbe essere necessario che alcuni interpreti dicano ad altri delle frasi specifiche, delle frasi risolutive che hanno un alto valore rituale. L’obiettivo qui è quindi agevolare la risoluzione della dinamica disfunzionale in accordo con ciò che il Campo ha evidenziato e con quando emerso dal lavoro di Bert Hellinger.

La rappresentazione si conclude auspicabilmente quando tutti gli elementi trovano pace. A volte può essere necessario diluire un lavoro in più incontri, in base a ciò che emerge.

In una sessione individuale viene svolto lo stesso tipo di lavoro. Non essendo disponibili persone dal vivo con cui interagire, il conduttore può affidarsi all’uso di personaggi simbolici oppure ad altre tecniche di immaginazione.

Costellazioni familiari online

Sia per agevolare chi si trova distante dalla nostra sede, sia chi, a causa delle recenti direttive COVID-correlate, avrebbe difficoltà ad accedervi o a spostarsi, proponiamo sessioni online di Costellazioni familiari.

Le sessioni si svolgono via Zoom e richiedono semplicemente di trovarsi in un luogo consono dove sia possibile ritagliarsi del tempo per sé senza essere disturbati.

Partecipa a un laboratorio

Se desideri partecipare a un laboratorio di Costellazioni familiari, seleziona l’evento preferito tra i seguenti e riserva subito il tuo posto!

La partecipazione è soggetta all’accettazione integrale del nostro consenso informato.

Nessun evento trovato!

Prenota una sessione individuale

È possibile prenotare una sessione individuale in qualsiasi momento. Seleziona la data più comoda con te e prenota ora!

La sessione individuale dura un’ora (la prima può durare qualche minuto di più), si svolge su Zoom e costa 125,00 euro. Se hai un codice promozionale, puoi inserirlo prima del pagamento.

La prenotazione è soggetta all’accettazione integrale del nostro consenso informato.